Tutto ciò che bisogna sapere sulle nostre copertine

Cosa sono le mussole, a cosa servono, perchè usarle e come, in questo articolo spiegheremo nel dettaglio tutto ciò che serve sapere sui teli di mussola in generale e più nello specifico sulle mussole Momly.  

Per farti guidare in questo post abbiamo creato un indice che ti permetterà di saltare direttamente al punto che ti interessa, in modo da non farti perdere tempo e rispondere alle tue domande… Se invece vuoi scoprire tutto sulle copertine di mussola ed approfondire meglio l’argomento … beh, buona lettura allora 😉 

 

 

INDICE

Tessuti di mussola, teli garzati, copertine avvolgenti, swaddle blanket ...
ma cosa sono ?

Le mussole nascono come copertine avvolgenti, utilizzate per fasciare il bimbo appena nato con lo scopo di calmarlo e rassicurarlo nei primi mesi dopo la nascita. Una pratica antica ma attuale, che allevia lo stress post parto del bimbo, facendolo sentire al sicuro come quando era dentro al pancione e migliorando molto il suo riposo; i bimbi tendono ad addormentarsi più facilmente e a dormire più a lungo, beneficiando il piccolo e aiutando molto anche i genitori che se ne prendono cura. 

Il termine mussola o mussole, viene volgarmente utilizzato per descrivere il tessuto in mussola, anche conosciuto come telo garzato. Questo tessuto intrecciato a trama larga è molto leggero e traspirante; viene fornito in molte misure, le più piccole possono venir comode come fazzolettini o per il cambio pannolino,mentre quelle più grandi possono essere utilizzate per gli scopi più disparati.

Sebbene nascano come copertina avvolgente, per fasciare il bimbo alla nascita o come copertina leggera per la notte, grazie alle loro caratteristiche le mussole risultano un articolo molto versatile ed utile nella vita quotidiana di una madre.Una volta scoperta la loro comodità ed i loro mille utilizzi non potrai più farne a meno.


Fasciatura o swaddling, cos'è ? perchè si fa e come vi farà dormire meglio ?
praticità ed emotività dietro un'usanza molto antica

Forse non ne hai mai sentito parlare, eppure non è una novità ne tanto meno una moda… questa pratica è vecchia di migliaia di anni e significa semplicemente fasciare, ed in questo caso si parla di fasciare il proprio bimbo appena nato. Beh il motivo è tanto pratico quanto emotivo … 

Devi sapere infatti che i neonati, non appena usciti dal grembo materno subiscono un grosso stress, fino ad allora erano abituati a stare rannicchiati nel pancione della mamma, il calore ed il senso di costrizione li davano sicurezza e conforto. I rumori erano attutiti e le luci fievoli dentro la pancia della mamma, mentre ora, in poche ore tutto è cambiano per lui. Tutti d’un tratto questa libertà di movimento e gli sbalzi di temperatura lo fanno sentire meno al sicuro, meno a suo agio e di conseguenza reagisce con nervosismo. Ci vorranno dei mesi prima che riesca ad ambientarsi completamente a questo nuovo ambiente .

I neonati nei primi mesi di vita non hanno il totale controllo sui loro movimenti, specialmente quando sono stanchi hanno delle contrazioni involontarie degli arti che finiscono per svegliarli bruscamente nel sonno o mentre stanno per addormentarsi. Conoscete anche voi la brutta sensazione di svegliarsi spaventati da un sonno rilassante vero ? Beh è veramente spiacevole e snervante. E questo porta i bambini ad essere facilmente irritabili, nervosi e a piangere di più .

Fasciare il bambino è una pratica che riduce gli stimoli esterni, le contrazioni involontarie degli arti vengono limitate, il bimbo si sente nuovamente costretto e riprova inconsciamente la sensazione di sicurezza e confort che aveva dentro il grembo materno. Questo senso di costrizione offre diversi benefici : 

  • Il bimbo si sente più a suo agio e più tranquillo , si agita di meno e smette di piangere più velocemente ; 
  • Ridotti al minimo gli scatti nervosi involontari di cui abbiamo parlato,  riesce ad addormentarsi prima e a dormire più a lungo ;
  • Dormendo più a lungo il sonno risulta più riposante e il bambino più sereno ;
  • Recenti studi hanno dimostrato che la fasciatura riduce i problemi di coliche gassose

“Lo sapevi che i benefici dello swaddling non si limitano al bimbo ? Sebbene il motivo principale sia quello di “abbracciare” il bimbo in modo da rassicurarlo e farlo sentire al sicuro, le conseguenze dello swaddling sono marcate, il bambino dorme più a lungo e meglio, e questo fa si che sia più tranquillo nelle ore di veglia. La sua tranquillità unita alle ore di riposo si traduce in un enorme aiuto per i genitori che si trovano ad avere del meritato tempo libero, più serenità e momenti di gioia.”

Ma quando fasciare il neonato ? Quando è meglio non fasciarlo e quando dobbiamo smettere ?

Come abbiamo detto la fasciatura del neonato è una pratica che serve a rassicurarlo una volta uscito dal grembo materno, coccolarlo e stringerlo una volta fuori dal pancione, in modo da alleviare in parte lo stress dovuto al ambientamento in questo nuovo mondo .

E’ buona norma fasciare il bimbo dai primi attimi di vita, considera che questa pratica viene spesso adoperata già dalle ostetriche in ospedale. Specialmente in questa fase la fasciatura si rivela più efficace che mai essendo il periodo più difficile per l’ambientamento del bambino.

Durante l’arco del secondo mese si andrà a ridurre l’utilizzo della fasciatura alle sole ore di sonno del bimbo, lasciandogli quindi totale libertà di movimento durante le ore in cui è sveglio. Questo porterà lui ad associare il senso di comfort e costrizione della fasciatura al momento della nanna e renderà per te più facile farlo addormentare. I bambini sanno essere molto abitudinari e creare dei piccoli rituali prima di metterli a dormire può renderti le cose molto più facili.

E’ meglio non fasciare il neonato quando questo oppone molta resistenza. Molti bambini amano essere leggermente costretti all’interno di una mussola ma se notate che vostro figlio oppone resistenza non forzatelo; la fasciatura è una pratica che deve donare benessere e farlo sentire a suo agio, non una punizione. Inoltre è bene non fasciare il neonato nei mesi estivi, qualora la casa non fosse provvista di aria condizionata. Sebbene il tessoto di mussola sia traspirante ciò non significa che sia da adoperare come telo per fasciatura anche quando le temperature si fanno calde; in tal caso un’idea può essere quella di coprire il bimbo con la copertina senza fasciarlo, in modo che circoli più aria intorno al suo corpicino. 

Per capire quando smettere di fasciare il bambino ti basterà capire i suoi segnali, crescendo inizierà ad avere più controllo del suo corpo e proverà a liberarsi o a rotolare. La maggior parte dei bambini raggiunge questo momento tra i due e i tre mesi. Non bisogna forzare il piccolo qui, è un naturale processo di crescita. In questa fase il bambino potrebbe tornare a svegliarsi con maggiore frequenza durante il sonno poiché è stato abituato fino ad ora a dormire fasciato in una mussola. Una buona idea è quella di fasciare sempre meno il tuo bambino, giorno per giorno per una settimana circa. Puoi per esempio iniziare a in bimbo lasciandogli un braccino libero per qualche giorno, per poi liberare anche l’altro braccio fino ad abituarlo ad usare la mussola come semplice copertina .

 

 

Vuoi sapere come applicare una fasciatura ad hoc che dia il giusto comfort al tuo bimbo in totale sicurezza ? Ecco come fasciare un neonato alla perfezione in 5 step ...

Ti stai domandando come applicare una perfetta fasciatura nel massimo della comodità e sicurezza ?  

Bene, ora che abbiamo spiegato cos’è, perché e quando fasciare il tuo bimbo, scopriamo ora come far sentire sereno e coccolato tuo figlio anche quando non è tra le tue braccia, scopriamo come fare una perfetta fasciatura in totale sicurezza. Gli ingredienti per una fasciatura ad hoc sono : 

  • 1 bambino nei primi mesi di vita 😉 
  • 1 telo di mussola morbido 
  • 1 superficie piana
  • 2 mani
  • tanto amore

Step 1 : Stendi il telo di mussola su di una superficie stabile e piatta. Piega l’angolo superiore verso il basso creando una forma che ricordi un diamante. 

Step 2 : Adagia il bebè al centro della mussolina con il collo all’altezza della piega appena fatta. In questo modo la testa del bimbo dovrebbe sporgere dalla sagoma della mussola . E’ importante che il bimbo venga steso in posizione supina con la pancia in su .

Step 3 : Prendi l’angolo destro del telo e fallo passare sopra il busto del bimbo, facendola passare sotto il suo fianco in modo da tenerlo fermo con il suo peso.

Step 4 : Prendo l’angolo inferiore della mussola e vallo a bloccare centralmente nella porzione già avvolta del telo (quella fatta nel passaggio 3).  Non distendere le gambe del bambino per evitare problemi di displasia dell’anca; nei primi mesi è giusto e normale che il neonato tenga le gambine leggermente rannicchiate . 

Step 5 : Ora ti resta solo che prendere l’angolo sinistro della mussola ed avvolgerla verso destra, facendola passare sopra il corpicino semi avvolto del bimbo. La riuscirai a bloccare facendola passare sotto il fianco del bebè così che il suo peso la tenga ferma. 

Finito ! Se hai eseguito i passaggi in modo corretto ora il bambino dovrebbe essere perfettamente fasciato. Forse non ti riuscirà una fasciatura perfetta già al primo tentativo ma fidati che nell’arco di poco acquisirai dimestichezza, è facile ! 

Ricorda che una volta fasciato il bambino va adagiato con la pancia in su, questo per evitare che il bimbo possa soffocare durante il sonno. In un ambiente casalingo tipico, con una temperatura tra i 19 e i 23°C vesti il bambino in modo leggero prima di fasciarlo, se la temperatura è superiore lascialo tranquillamente svestito con solo il pannolino. Lascia sempre un po’ di agio alle gambe del bimbo per potersi muovere, lo scopo è quello di donare una sensazione di sicurezza e far sentire il bimbo a suo agio non di immobilizzarlo completamente. Se ci pensi anche quando era ancora nel pancione qualche calcetto lo faceva sentire 🙂 

Quali sono le caratteristiche che rendono così unici i teli di mussola? che proprietà devono avere queste copertine per poter essere utilizzate come swaddle blanket e in tanti altri modi ?

Una buona copertina in mussola è un prodotto incredibile, sul mercato si trovano prodotti esteticamente simili tra loro, ma di qualità e materiali molto diversi; ci sono prodotti economici che risultano ruvidi e parzialmente in fibra sintetica ma se scelte con cura si trovano mussole con proprietà che le rendono perfette per le funzioni che devono svolgere e delicatissime sulla pelle del neonato. Un telo di mussola ideale deve avere almeno le seguenti caratteristiche :

Deve essere sicuro : Beh, partiamo dal presupposto che ogni mamma tiene alla salute del suo bimbo, e che quindi ogni tessuto che viene a contatto con la sua pelle deve essere privo di qualunque tipo di residuo chimico dovuto alla produzione o alla coltivazione della materia prima.

Deve essere naturaleSpesso si preferisce il tessuto naturale poiché garantiscono un equilibrio termico migliore (tengono fresco quando fa caldo e tengono caldo quando fa più freddo) grazie alla loro capacità di immagazzinare l’umidità in eccesso per poi diffonderla al momento del bisogno.

Deve essere morbido : Dal momento che questo tessuto viene a diretto contatto con la pelle delicata del nostro bimbo, la mussola ideale deve essere morbida, super morbida direi. Non deve grattare la cute per evitare qualunque tipo di problema di irritazione, arrossamento o semplice fastidio. 

Deve essere confortevoleLa morbidezza non basta, la mussola perfetta, sia che la usiate come telo per fasciare che come copertina, deve far sentire il vostro bimbo a suo agio, non deve fargli provare caldo o farlo sudare, ma nemmeno fargli sentire freddo o dargli la sensazione di essere scoperto mentre dorme. 

Deve essere grandeA meno che non vogliate usare la mussola solo come fazzoletto o per asciugare il sederino del vostro bimbo, le mussole devono essere grandi. Una misura 80×80 può sembrare sufficiente quando vostro figlio è appena nato, ma può risultare quasi inutile pochi mesi dopo quando il neonato è cresciuto. Per avere una mussola dai mille utilizzi, che resti funzionale e che duri, puntate gli occhi sulla misura 120x120cm

Viscosa di bambù di prima qualità ... come mai abbiamo scelto di incorporare il bambù nei nostri tessuti di cotone e come questa fibra naturale ha migliorato le nostre copertine sotto ogni aspetto.

La fibra di bambù proviene dall’omonima pianta e attraverso una particolare lavorazione viene filata e poi tessuta fino a creare vestiti, lenzuola, tendaggi e nel nostro caso, teli di mussola molto pregiati.

Il principale motivo che ci ha spinti a scegliere il bambù come protagonista nei nostri tessuti è la sua morbidezza, il bambù è così soffice da ricordare la seta, così morbido da farti stare bene solo sfregandolo tra le mani. La differenza con il cotone è così marcata che se lo provi non tornerai più indietro, questo te lo garantiamo .

Sebbene la sua morbidezza sia già di per sé un’arma vincente, in realtà sono le proprietà chimico fisiche del tessuto di bambù a renderlo adatto al suo utilizzo come mussola, migliorando le sue funzioni, sia come telo per la fasciatura (anche detto swaddle blanket) che come copertina, asciugamano o telo copri passeggino. 

Capiamo meglio le eccezionali caratteristiche di questa fibra : 

  • Morbidezza : le mussole di bambù sono morbidissime, la sensazione al tatto dona gioia e benessere. Lavaggio dopo lavaggio le fibre si gonfiano leggermente rendendole sempre più morbide e confortevoli. 
  • Proprietà isolante : intrappola il calore del corpo all’interno delle sue fibre per tenere il bimbo caldo d’inverno, mentre la sua trama larga la rende traspirante restando asciutta. Questo permette di mantenere il tuo bimbo al caldo in ambienti freschi e al fresco in ambienti più caldi, senza la paura che si possa surriscaldare.
  • Assorbente e traspirante : la fibra di bambù assorbe ed evapora l’umidità più velocemente di qualsiasi altro tessuto naturale . Questo mantiene il tuo bimbo asciutto dal sudore, evitando i problemi che esso comporta (dermatiti o irritazioni cutanee per esempio)  e la rende ottima anche come asciugamano dopo il bagnetto, assorbendo l’acqua in un istante. 
  • Antibatterico e Ipoallergenico : oltre che essere ipoallergenico, il bambù ha molte qualità antibatteriche, inoltre la pianta viene coltivata senza l’ausilio di sostanze fertilizzanti evitando così possibili residui nel prodotto finito. La fibra di bambù prodotta per queste mussole viene lavorata in ambiente eco-frendly e priva di sostanze chimiche dannose per la pelle (come richiesto dalle certificazioni Oeko-tex 100 standard)
  • Assorbe il profumo : il che lo rende ideale per confortare il tuo bimbo quando piange o aiutarlo a rilassarsi quando è stanco e deve fare la nanna.
  • Green : grazie alla sua rapidissima crescita, al minimo bisogno di acqua e alla sua resistenza ai pesticidi, questa pianta non richiede fertilizzazioni e utilizzo di pesticidi, garantendo la salvaguardia dell’ambiente in cui cresce. 

E’ facile rendersi conto di quante buone qualità abbia il bambù e di come questa fibra sia quasi perfetta, ciò nonostante l’aggiunta di una piccola parte di cotone rende il tessuto più resistente ai lavaggi e quindi più duratura nel tempo, senza perdere i benefici del bambù. Possiamo dire che il tessuto bambù-cotone 70/30 unisce le migliori caratteristiche di ciascuna fibra in un mix perfetto. 

“Lo sapevi che il bambù è la pianta a più rapida crescita del pianeta ? Questa pianta è estremamente resistente, la sua coltivazione non richiede né fertilizzanti né pesticidi, non richiede di essere trapiantata e necessita di pochissima acqua. Come risultato la coltivazione di bambù è eco sostenibile e ha un bassissimo impatto ambientale … un’ottima amica dell’ambiente “

 

Sicuri per la pelle del bambino ... Grazie alle eccezionali qualità del bambù, del cotone e alla trama del tessuto queste copertine multiuso offrono la soluzione migliore per la pelle delicata dei neonati

Grazie alla loro leggerezza e alla trama larga le copertine in mussola mantengono costante e regolare la temperatura del bimbo, isolano quanto basta dall’esterno perché il bambino non soffra il freddo, ma allo stesso tempo evitano che il bimbo si surriscaldi

La loro eccezionale assorbenza unita alla capacità di traspirazione tengono la pelle asciutta, allontanando il sudore e facendolo evaporare; ciò riduce drasticamente i problemi di irritazioni o dermatiti da sudore che colpiscono spesso i neonati per via della loro pelle delicata. Il nostro soffice tessuto in fibra di bambù è delicatissimo sulla pelle evitando ogni tipo di arrossamento da sfregamento;  naturale al 100%, privo di residui di sostanze chimiche o urticanti.

Le sue proprietà antibatteriche e antimicrobiche, dovute sia alle proprietà delle fibre naturali che alla trama del tessuto, lo rendono un tessuto particolarmente igienico, che resta pulito più a lungo e che necessita di meno lavaggi.

Grazie alle caratteristiche dei materiali e alle misure generose, i nostri teli in mussola possono essere utati, riutilizzati, riciclati e reinventati in tantissimi modi ... e con un pizzico di fantasia potrai trovarne di nuovi

Sebbene, per un ordine temporale, questi teli nascano come copertine avvolgenti per la pratica dell baby swaddling o fasciatura del neonato, i modi in cui le mussole ti torneranno comode sono i più disparati. Grazie alla loro semplicità unita alle loro magnifiche caratteristiche di morbidezza, freschezza e assorbenza hanno reso le mussole un must per ogni mamma, un oggetto dalle mille funzioni da usare a casa e da portare sempre con sé. 

Grazie alla rapida associazione mentale che il vostro bimbo creerà tra le mussole e il momento della nanna, il primo riutilizzo dei teli in mussola sarà quello di semplice coperta per casa e nel passeggino quando si è a passeggio; inoltre le si può usare anche per rivestire il materassino della carrozzina o semplicemente come morbido tessuto per confortare il bimbo (ricorda che la fibra di bambù di cui sono parzialmente fatte le nostre mussole cattura il tuo profumo, facendoti sentire vicino al tuo bimbo e confortandolo) .

Un altro modo in cui questi teli vengono spesso usati nella vita quotidiana è come copri fasciatoio, questo perché il tessuto in mussola è molto assorbente, delicato sulla pelle e nel caso in cui si sporcasse lo si può lavare ed asciugare in un attimo. Quando si è fuori casa e si deve cambiare il pannolino al bimbo non si trova quasi mai un posto pulito su cui stendere il bambino … ecco un’altro modo in cui una mussola può tornarti indispensabile.

Il tessuto in bambù e cotone che compone i nostri teli conferisce un’assorbenza eccezionale, basta avvolgere il bimbo nel telo per un istante affinché sia asciutto… è veramente pazzesco come questi teli asciughino la cute alla svelta, la loro velocità nell’assorbire l’acqua è molto maggiore rispetto a quella di un normale asciugamano, ricorda quella della carta da cucina… provare per credere. 

Qual’è un’altra pratica giornaliera in cui ti può venir comodo un tessuto molto assorbente, facile e rapido da pulire ? Il momento del ruttino… Appoggia una mussola sulla spalla quando si fai fare il ruttino, se sei fortunata tutto andrà liscio e non dovrai far nulla… ma sai, ogni tanto i bimbi sporcano un po’ in questo momento… beh nessun problema, getta la mussola a lavare ed in poco l’avrai nuovamente pulita, asciutta e ancora più morbida. 

Sei a casa e non vuoi che il tuo bimbo si rotoli per terra ? O sei al parco che ti serve una copertina su cui appoggiare il tuo bimbo per giocare? Beh non ci sono problemi … grazie alle generose misure (120x120cm) delle nostre copertine in mussola potrai far giocare il tuo bimbo su di esse senza paura che si sporchi. 

Quando d’estate sei in giro ed il caldo è tale da far sudare il tuo bimbo, stendi una mussola sul passeggino, nell’ovetto o sul seggiolone auto prima di far sedere il bambino, così che il telo assorba il sudore e lo tenga asciutto. Puoi anche usare il telo per coprire la culla o l’ovetto per proteggere il bimbo dai raggi solare e fargli ombra, questo può tornare anche utile per alleviare lo sbalzo termico dovuto all’aria condizionata nei periodi estivi. 

Un’ultimo modo molto utile che mi viene in mente è quello di utilizzare questi teli in mussola per coprirti durante l’allattamento quando sei fuori casa, essendo leggeri e traspiranti non infastidiscono il bimbo e permettono a te di allattare in totale privacy al sicuro dagli occhi indiscreti della gente. 

Ti renderai conto di quanti utilizzi queste mussole hanno, e con un pizzico di creatività ne scoprirai di altri … i teli in mussola sono così versatili da diventare un oggetto “tutto in uno” che ti permetterà di alleggerire la tua borsa quando esci di casa e ti “salverà la vita” in tante situazioni scomode che si possono capitare. La loro semplicità è la loro forza .

Qui di seguito elenco alcuni dei modi più comuni per utilizzare le nostre copertine o teli in mussola :

  • Copertina avvolgente per la fasciatura
  • Copertina leggera e traspirante
  • Rivestire il materasso del letto o della carrozzina
  • Tessuto morbido per confortare il bimbo quando fa la nanna
  • Copri fasciatoio
  • Telo per il cambio pannolino quando si è in giro
  • Asciugamani super assorbenti (bimbo asciutto in pochi secondi)
  • Telo assorbente per il ruttino 
  • Copertina per il gioco, sia a casa che al parco 
  • Telo anti sudore estivo
  • Telo para sole
  • Proteggere il bimbo dagli sbalzi dovuto all’aria condizionata
  • Telo per allattare in totale privacy

Le nostre copertine in mussola multiuso sono funzionali e comodi per le mamme, ma per vostro figlio possono significare molto di più ...

Quando noi ci compriamo un paio di pantaloni che cosa stiamo acquistando ? Magari ci serve un paio di jeans per tenerci caldi o magari per la loro comodità, forse perché sono del colore che cercavamo ? La verità è che spesso non compriamo un nuovo paio di pantaloni per la loro funzionalità, ma perché ci fanno sentire bene con noi stesse, ci fanno sentire a nostro agio, più belle ai nostri stessi occhi.

 Ora torniamo per un attimo alle nostre mussole, per una mamma queste possono sembrare semplicemente delle “copertine avvolgenti multiuso” ,questa è senz’altro la loro principale funzione e non c’è coperta migliore per svolgerla … ma proviamo ad immedesimarci nel nostro piccolo … 

Tutto inizia nel momento della nascita, da 0 a 3 mesi ogni volta che è agitato, ogni volta che bisogno di essere confortato o ha sonno, viene avvolto nella sua mussola.La sensazione che la mussola gli conferisce lo conforta, la morbidezza del suo tessuto lo calma e la sua leggera costrizione lo rassicura, come dentro il pancione della mamma. Presto crescerà e non avrà più bisogno di essere fasciato, ma oramai la mussola sarà diventata la sua compagna di sonno, la sua sicurezza quando è stanco e gli occhietti iniziano a chiudersi …per lui sarà diventata sinonimo di nanna.

I bambini tendono ad essere molto abitudinari, si costruiscono dei rituali e su di esse costruiscono le loro certezze; La sensazione del tessuto morbido della loro copertina tra le mani gli trasmette emozioni, lo calma e lo rilassa, così come ogni notte si sdraia nella solita posizione e piano piano, senza che lui nemmeno se ne renda conto, l’abitudine ha fatto il suo corso e lui è cascato in un sonno profondo. Viste con gli occhi di un bimbo le mussole non sono solo copertine multiuso, per loro sono il calore della mamma, sono il comfort di un abbraccio, sono un dono che noi mamme li facciamo per farci sentire sempre li con loro.

Fin da subito siamo stati affascinati da questa pratica, dal amore che trasmette e per le emozioni che da al bambino. Dopo averla provata e aver verificato quanto questa realmente funzioni, l’abbiamo scelta come primo dei nostri “sensory product”, una linea di prodotti che non sia solo funzionale ma che trasmetta qualcosa di più forte, qualcosa che a distanza di tempo ti faccia tornare alla mente tutte le emozioni che ti ha dato, che ti lasci mille ricordi.

Tutto ciò che ti serve sapere su come fasciare, asciugare e stendere le nostre copertine.
+ alcuni consigli che ti faranno risparmiare un sacco di tempo 😉

I teli in mussola bambù/cotone sono incredibilmente morbide, ma non abbiate timore nel lavarle … ogni volta che le getti in lavatrice le fibre del tessuto si gonfiano leggermente, diventando sempre più morbide , lavaggio dopo lavaggio. Grazie alla trama del tessuto e alle proprietà traspiranti del bambù e del cotone, le mussole si asciugano in un attimo.

Il materiale delle nostre copertine è molto resistente, non sarà un lavaggio a 60°C a rovinarle, ne tanto meno un giro in asciugatrice, quelle elencate qui di seguito sono semplici indicazioni su quali sono i metodi ideali di lavaggio allo scopo di mantenere inalterate le qualità delle mussole Momly .

  • Lavare il prodotto prima del primo utilizzo 
  • Lavare a mano o in lavatrice a 40°C con colori simili
  • Asciugare a basse temperature
  • Non candeggiare
  • Non stirare

“Lo sapevi che i tessuto in fibra di bambù, grazie alla sua naturale morbidezza, non richiedono ammorbidente durante il lavaggio ? Le mussole bambù/cotone resistono meglio allo stropicciamento rispetto al cotone 100% , gettandole per 2-5 minuti in asciugatrice prima di appenderle ad asciugare avrai le tue mussole lisce senza bisogno di stirare; Inoltre grazie alla sua superba qualità antimicrobica rimane più pulita e profumata rispetto al tessuto di cotone richiedendo lavaggi meno frequenti” .